CENTRO E-LEARNING D’ATENEO
CENTRO DI TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE, L’INNOVAZIONE E LA DIDATTICA A DISTANZA

Art. 1 - Istituzione e denominazione

Presso l’Università degli Studi di Ferrara è istituito il Centro e-learning di supporto alla didattica denominato “CENTRO DI TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE, L’INNOVAZIONE E LA DIDATTICA A DISTANZA".
Il Centro si configura come centro di Ateneo per la realizzazione e il coordinamento di iniziative di comunicazione multimediali e di servizi per la didattica, la formazione permanente, l’aggiornamento a distanza e attività di ricerca attraverso l’apporto congiunto offerto da tutte le discipline presenti in Ateneo. Il Centro ha sede in via Scienze n. 27/b nelle strutture idonee messe a sua disposizione dall’Ateneo, dove si trovano laboratori e attrezzature informatiche, audiovisive e multimediali necessari all’adempimento delle proprie finalità.

Art.2 - Finalità

Il Centro si propone le seguenti finalità:

  1. Supporto alle attività di comunicazione e promozione interna ed esterna dell’Ateneo con servizi multimediali, quali riprese video e fotografiche con utilizzo delle moderne tecnologie per comunicazioni e videoconferenze e supporto tecnologico e organizzativo per la realizzazione e la gestione di eventi, in stretta connessione con la struttura di Comunicazione ed Eventi dell’Università. L’operato del Centro in tale ambito è indirizzato alla promozione dell’immagine e del posizionamento dell’Università di Ferrara nel panorama nazionale e internazionale e al rafforzamento delle attività di comunicazione istituzionale.
  2. Sviluppo delle attività formative che adottano modalità a distanza e che integrano le metodologie dell’insegnamento con le tecnologie dell’ICT. L’operato del Centro è finalizzato a potenziare la qualità dell’offerta formativa, a soddisfare una domanda di formazione delocalizzata di tipologia non tradizionale e a rispondere alle esigenze della formazione permanente e ricorrente.
  3. Sviluppa attività di ricerca applicata alle tecnologie didattiche e alla comunicazione mediatizzata, nonché sperimentazione di nuovi modelli.

Il Centro ha i seguenti compiti:

  • provvede a definire gli standard qualitativi dei materiali e dei servizi che supportano l’offerta formativa a distanza;
  • esamina le proposte avanzate dalle strutture didattiche dell’Ateneo per l’istituzione di corsi che utilizzano modalità a distanza, multimediale e integrata, siano essi corsi di studio, master, corsi di formazione o alta formazione, corsi di perfezionamento ed esprime pareri non vincolanti;
  • organizza corsi di formazione e perfezionamento su materie attinenti la comunicazione, il marketing, il giornalismo anche con l’utilizzo delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione (ICT);
  • promuove ogni azione, volta a potenziare l’uso delle moderne metodologie a distanza, avanzando le sue proposte al Senato Accademico e, per quanto di competenza, al Consiglio di Amministrazione;
  • analizza e valuta ogni soluzione tecnico-informatico/multimediale richiesta per l’erogazione dei corsi a distanza e per lo sviluppo di processi di comunicazione multimediale e dei servizi connessi.

Il Centro offre servizi di comunicazione e multimedialità. In particolare offre servizi, anche a terzi soggetti, di:

  • progettazione e comunicazione con tecnologie;
  • progettazione e realizzazione grafica bi e tridimensionale di grafica pubblicitaria e materiale editoriale;
  • produzione di materiale editoriale sia nelle forme tradizionali  che nelle forme digitali, interattive e multimediali cartaceo, di rete;
  • produzione, riprese e montaggio video;
  • gestione aule virtuali e videoconferenze;
  • archiviazione e pubblicazione web di video e filmati;
  • progettazione e gestione di video portali e siti web per la comunicazione e la didattica.
  • ideazione, progettazione e realizzazione di eventi scientifici e divulgativi.


Art. 3 - Organi


Gli organi del Centro sono:

  • il Consiglio direttivo;
  • il Direttore;
  • il Coordinatore.

Art. 4 - Consiglio direttivo


Il Consiglio Direttivo è composto da un numero massimo di 9 membri:
- 8 membri, di cui al massimo uno esterno all’Ateneo e un rappresentante della struttura di Comunicazione ed eventi (di seguito denominato Coordinatore) designati dal Rettore sulla base di specifiche professionalità e competenze.
Il Consiglio direttivo è nominato con decreto rettorale e dura in carica tre anni accademici rinnovabili per un solo mandato.
Se i componenti del Consiglio direttivo non partecipano ingiustificatamente alle riunioni del Consiglio stesso per tre volte consecutive decadono dall’incarico e non sono più immediatamente designabili.
Nel caso di decadenza o dimissioni di un membro del Consiglio direttivo il nuovo mandato ha decorrenza immediata e dura fino alla scadenza del consiglio direttivo.
Il Direttore del Centro può invitare a partecipare alle sedute del Consiglio Direttivo persone esperte o coinvolte in attività/progetti specifici svolti dal Centro, con funzione consultiva ma senza diritto di voto.
Il Rappresentante della struttura di Comunicazione ed eventi avrà altresì le funzioni di coordinare le attività del Centro.

Art.5 - Consiglio Direttivo – funzioni

Compiti del Consiglio direttivo sono:

  • eleggere il Direttore del Centro;
  • svolgere funzioni di indirizzo e programmazione dell’attività del Centro oltre che di verifica dell’attività svolta;
  • esaminare ed esprimere pareri non vincolanti agli organi competenti circa l'attivazione dei corsi di formazione e dei corsi post-laurea con
  • modalità a distanza o blended, proposti dalle strutture didattiche d’Ateneo compresi quelli definiti con la collaborazione di soggetti pubblici e privati;
  • proporre al Consiglio di Amministrazione delibere sulle richieste di finanziamento a favore del centro;
  • deliberare in merito alla relazione annuale sull’attività del Centro, predisposta dal Direttore;
  • predisporre i piani di sviluppo da sottoporre all’esame del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione;
  • proporre al Consiglio di Amministrazione la stipula di convenzioni e contratti con enti pubblici e privati;
  • provvedere alla definizione del budget annuale e triennale.

Per la validità delle deliberazioni del Consiglio direttivo si applica l’art. 57 dello Statuto dell’Università degli Studi di Ferrara.
Il Consiglio direttivo può istituire gruppi di lavoro e commissioni di studio con la partecipazione anche di dipendenti dell’Ateneo esterni al centro.

 

Art. 6 - Direttore


Il Direttore eletto dal Consiglio Direttivo tra i membri designati di cui all’art. 4 e rimane in carica per un triennio. In caso di cessazione anticipata dall’incarico di Direttore il nuovo eletto cesserà dalle funzioni allo scadere del Consiglio Direttivo.
Il Direttore del centro è rieleggibile consecutivamente nelle funzioni per una sola volta.
Il Consiglio di Amministrazione, sentito il parere del Senato Accademico, può autorizzare un Direttore esterno all'Università ai sensi dell'art. 37 dello Statuto vigente dell'Università di Ferrara.
In caso di assenza o impedimento è sostituito da un Vice direttore da lui designato ai sensi del successivo art. 7.


Art.7 - Funzioni del Direttore


Sono compiti del Direttore:

  • presiedere le sedute del Consiglio che devono essere convocate almeno quattro volte all’anno;
  • dare attuazione alle delibere del Consiglio direttivo;
  • istruire il progetto formativo e scientifico e il relativo piano delle attività del Centro e gli altri atti da sottoporre alla deliberazione del Consiglio;
  • redigere annualmente la relazione sull’attività del Centro da sottoporre all’approvazione del Consiglio direttivo e da trasmettere al Rettore.
  • designare il membro del Consiglio direttivo incaricato della sua sostituzione in caso di assenza o temporaneo impedimento.

Può delegare uno o più componenti del Consiglio del Centro ad esercitare particolari funzioni indicandole esplicitamente nella delega.


Art. 8 - Funzioni del coordinatore


Il Coordinatore, in accordo con il Direttore, organizza e coordina le attività svolte dal Centro, tenendo conto delle delibere del Consiglio direttivo.
Predispone il piano periodico delle attività di comunicazione multimediale, redatto sulla base delle iniziative di comunicazione istituzionale  dell’Ateneo.


Art. 9 - Gestione amministrativo contabile


Il Centro predispone i programmi relativi alla propria attività ed assicura una gestione efficace, efficiente ed economica delle risorse con riferimento ai propri obiettivi. Il Centro dispone di un budget nell’ambito del bilancio unico di Ateneo.
Per la realizzazione delle proprie attività trova supporto:

  • nell’Ufficio Comunicazione ed Eventi per quanto riguarda le proposte di delibere inerenti le richieste e i piani individuati nel precedente art. 5;
  • negli uffici preposti dell’Amministrazione centrale per l’attuazione dei provvedimenti inerenti la gestione di convenzioni e gli approvvigionamenti.

I provvedimenti di spesa sono assunti dal direttore del centro e la gestione contabile è affidata agli uffici preposti.
Il Centro è assoggettato a tutti i regolamenti di Ateneo vigenti.


Art. 10 - Gestione patrimoniale


Il Direttore del Centro è consegnatario dei beni mobili, a norma dei regolamenti vigenti.

Art. 11 - Risorse finanziarie

Il Centro può disporre dei seguenti fondi:

  • assegnazioni da Ateneo;
  • assegnazioni da dipartimenti;
  • finanziamenti e proventi da contratti, accordi di programma, convenzioni con soggetti terzi per attività di servizio e consulenza;
  • contributi liberali e donazioni;


Art. 12 - Personale


Al Centro può essere assegnato personale tecnico amministrativo.
Il Centro potrà avvalersi della collaborazione, a tempo parziale e per periodi determinati, di docenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo afferenti ad altre strutture organizzative dell’Ateneo, nonché dottori di ricerca, dottorandi, assegnisti e titolari di borse di studio o di contratti a termine secondo la vigente legislazione, per la realizzazione di progetti specifici.

Art. 13 - Scioglimento del Centro


Fermo il disposto di cui all’art. 37, comma 5 dello Statuto dell’Università degli Studi di Ferrara, nel caso in cui il Consiglio direttivo deliberi l’esaurimento delle finalità istitutive del Centro, la proposta del suo scioglimento deve essere sottoposta all’approvazione del Consiglio di Amministrazione, sentito il parere del Senato Accademico.

Art. 14 - Entrata in vigore


Il presente Statuto entra in vigore dalla data del decreto rettorale di approvazione dello Statuto medesimo.

Contatti

Informazioni generali: sea@unife.it

Segreteria amministrativa: amministrazionesea@unife.it

Assistenza tecnica per i servizi di supporto alla didattica: assistenzafad@unife.it

Supporto alla didattica in presenza per gli studenti

Supporto alla didattica on-line per l’offerta post-Laurea

   Università degli Studi di Ferrara
   Direttore: Prof. Livio Zerbini
Via Scienze 27/B, 44121 Ferrara
Info: sea@unife.it
Seguici
Twitter Facebook YouTube